mercoledì 12 giugno 2013

DEMOCRAZIA




 
 
 
 


È stupefacente se non paradossale quello che si sente in questi giorni sul voto, sui sondaggi sui pensieri dei cittadini, sul risultato del voto.

Per venti anni abbiamo assistito a tutto e di più, le ruberie, gli imbrogli le corruzioni, gli scambi di voto gli scambi di poltrone, il proliferare delle scorte come status sociale, con sperperi di denaro in cattedrali di sabbia.