giovedì 9 agosto 2012

PARCHEGGI ABUSIVI E NON

 
CHI CI MARCIA DIETRO



Egregio Direttore
Ho letto con immenso piacere l’articolo sulla prealpine di oggi del Sig. Gabriele Ceresa, in merito al proliferare dei parcheggi in parte abusivi, attorno a Malpensa.
Sono d’accordo con quanto scritto, ma voglio aggiungere e sottolineare altre problematiche, legate al fenomeno dei parcheggi:

1° tutti i gestori stanno abusando in questa attività, posteggiano macchine ovunque ci sia un prato od un area libera, senza garantire ai potenziali clienti, la sicurezza e la garanzia ad eventuali furti legati al bene loro affidato.

2° un controllo serio sul personale che opera in questi parcheggi, gira voce che non tutti siano in regola ?, personale che guida auto loro affidate, per spostarle da un posto all’altro e che non rispetta il bene loro affidato, troppo spesso si comportano come dei piloti di formula uno e le lamentele si sprecano al comando dei vigili di Somma Lombardo, in località Maddalena sfrecciano, come si trovassero in pista, ma nulla si fa se non reguardire i titolari delle aziende.

3° pur guadagnando soldi sicuri, perché chi usufruisce del parcheggio, non può ritirare l’auto al ritorno delle vacanze, se prima non ha pagato, ma risulta che siano di braccino corto quando si tratta di pagare i dipendenti e/o i fornitori di servizi che hanno effettuato lavori per loro, non sarebbe il caso che la guardia di finanza effettuasse dei controlli in merito, le loro DICHIARAZIONI DEI REDDITI sono in regola ? alcune aziende hanno effettuato lavori di sbancamento per aumentare la capacità dei parcheggi e non sono mai stati pagati, anzi li hanno costretti a ricorrere agli avvocati con ulteriori costi, perché sanno come funziona la giustizia in Italia.
Vogliamo porre fine all’improvvisazione e alla pratica sempre più diffusa, tanto non mi prenderanno mai e anche loro sono corrotti e immanicati.

Saluti
Massimo D’Agostini

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi quello che vuoi, nel modo più decente possibile, dimmi cosa ne pensi e possibilmente dammi ragione.